Come leggere e capire la Bibbia

Autore:

Categoria:

Quando si parla di Dio e della fede, mi rendo conto di quanto poco si conosca il libro sacro e quanta è invece la sete di conoscenza. Io definisco la Bibbia come una bellissima lettera d’amore che Dio ci ha inviato per rivelare se stesso e farci sapere quanto ci ama. Solo che noi non la apriamo quasi mai per leggere quelle dolci parole d’amore. Quando insieme agli altri leggiamo qualche pagina e ne spiego il significato, sono molti a rimanere sconcertati perché quello che hanno sempre saputo (dai lontani anni del catechismo o dalla scuola) appare insufficiente rispetto alla ricchezza che quella Parola di Dio ci veicola.

Alcuni rimangono stupiti e quasi offesi quando scoprono che Adamo ed Eva storicamente non sono certamente esistiti e che la creazione non è avvenuta in sei giorni; che di Abramo e degli altri patriarchi sappiamo quasi nulla di certo; che il famoso Esodo, probabilmente, non ha coinvolto tutto il popolo di Israele ma forse solo un piccolo gruppo e così dicendo, dalle gesta del re Davide fino alle affermazioni del Nuovo Testamento.
A questo punto molti mi chiedono: “Ma allora come facciamo a sapere quello che è vero e quello che è falso nella sacra scrittura?
Ecco una domanda legittima ma posta in modo sbagliato.

Bibbia e candelaLa chiesa ci insegna giustamente che la Parola di Dio annuncia la Verità senza errore, ed ha ragione! Quello che dobbiamo capire è quale verità ci vuole insegnare!
La Bibbia non insegna storia, né biologia, né scienza, né filosofia o qualsiasi altro sapere umano.
La Bibbia ci rivela Dio nel suo agire nel rapporto con l’uomo. È importantissimo questo passaggio e lo voglio chiarire: la rivelazione riguarda Dio, non nella sua essenza (questo è il Dio dei filosofi) ma nel suo rapporto con gli uomini. Ciò comporta che la Rivelazione, per essere comprensibile, deve essere adattata agli uomini cui il messaggio è indirizzato.
Oggi la nostra cultura è aumentata enormemente rispetto ai secoli e ai millenni passati, ma il messaggio deve essere chiaro per tutti gli uomini al di là del loro grado di conoscenza. E così è stato!
Dobbiamo ammettere che a causa della sacralità di questa Parola, nel corso dei secoli, a volte si è erroneamente applicato il concetto di assenza di errore a tutto il testo sacro preso in blocco, e ciò ha comportato interpretazioni non sempre esatte, a volte letterali fino alla esagerazione. Interpretazioni che poi la conoscenza scientifica ha smentito clamorosamente generando confusione e sconcerto negli animi semplici.

Quando prendiamo in mano la Bibbia dobbiamo tenere presente questo concetto: imparare a distinguere il messaggio che Dio vuole rivelarci dal mezzo che è stato usato per farcelo capire.
Per comprendere l’intenzione degli autori sacri, si deve tener conto delle condizioni del loro tempo e della loro cultura, dei “generi letterari” allora in uso, dei modi di intendere, di esprimersi, di raccontare, consueti nella loro epoca.
san gerolamoColoro che fisicamente hanno scritto i libri della Bibbia erano uomini, vissuti fra il 15° secolo a.C. e il 1° secolo dell’era cristiana, certamente ispirati dallo Spirito Santo, ma semplicemente uomini, con la loro cultura, la loro visione della vita, la loro conoscenza limitata. Nella Sacra Scrittura, Dio parla all’uomo alla maniera umana. Per una retta interpretazione della Scrittura, bisogna dunque ricercare con attenzione che cosa gli agiografi hanno veramente voluto affermare e che cosa è piaciuto a Dio manifestare con le loro parole [Conc. Ecum. Vat. II, Dei Verbum, 12].
Questo va tenuto costantemente presente. La ricchezza e la profondità del messaggio, la sua sacralità è dovuta all’opera ispiratrice dello Spirito Santo e per questo quando ci apprestiamo a leggere dobbiamo metterci nella stessa lunghezza d’onda chiedendo nella preghiera che lo stesso Spirito Santo ci aiuti ad accogliere il messaggio divino che Dio vuole trasmetterci.

Saverio Schirò

Puoi leggere sullo stesso argomento:
Come leggere e capire il Vangelo
Voglio leggere la Bibbia: consigli pratici

Entra con noi nel gruppo3millenio

242FansLike
212FollowersSegui
6FollowersSegui
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Amministratore del Sito. Appassionato di Spiritualità e Teologia

12 COMMENTI

  1. DIO CREATORE DELLA TERRA E DI INFINITI PIANETI MILIARDI DI STELLE CREATORE DELL’UNIVERSO ,
    LA BIBBIA LO LOCALIZZA SOLO SU UN FAZZOLETTO DI TERRA CON RACCONTI DI UOMINI PRIMITIVI
    RACCONTI ANONIMI, CONTRADDITORI, VIOLENTI , FANTASIOSI VENDICATIVI ECC , LE LIMITATE CONOSCENZE DI ALLORA , RIDICOLIZZANO IL FANTOMATICO DIO TRATTENENDOLO SU UN PICCOLO TERRITORIO DI EBREI E PALESTINESI FREGANDOSENE DI TUTTE LE RAZZE DEL PIANETA.

    • Grazie di questo commento Giacomo. Mostra tutta l’ignoranza di coloro che si dichiarano non credenti, agnostici, atei o cose del genere, ma la loro conoscenza biblica è ferma ai loro nove anni, quando hanno fatto il catechismo (se l’hanno fatto!). Sono molti coloro che non sanno, eppure parlano.

  2. Caro Saverio se il prof. Biglino continua a spiegare seriamente che la bibbia non ha nulla a che vedere con Dio , bensì trattasi di libri ANONIMI con contenuto , VIOLENTO, INFANTILE CONTRADDITORIO, perché una persona seria come te, tenta inculcare al prossimo la ciarlataneria religiosa, specialmente quando parla di CRISTO, questi sapeva resuscitare, sapeva camminare sulle acque , ma non sapeva l’esistenza di altri popoli lontani, di altre razze, e invece di apparire a tutta l’umanità, visse solo su un fazzoletto di terra. GLI EBREI popolo intelligentissimo, ritengono GESU’ CRISTO un PINGO PALLINO QUALSIASI, i cristiani CON LA LORO INTELLIGENZA DIVERSA DA QUELLA DEGLI EBREI LO venerano COME FIGLIO DI DIO.

    • Carissima Carmen, apprezzo la tua buona intenzione, ma credimi non inculco niente a nessuno ma mi sembra un pessimo termine “ciarlataneria” che a rigor di logica andrebbe applicata a chiunque tenti di parlare della propria divinità. In primis a Biglino che vende le proprie “invenzioni teologiche” per fare soldi a spese di un pubblico davvero credulone. Se la Bibbia è quello che dici tu, perché credere alle “serie” spiegazioni del prof che da quel libro trae le personali fantasie?
      Su Gesù che dirti? Solo che ci ha insegnato la via dell’amore. Meno male che non occorre una superintelligenza per capirlo. Altrimenti sarebbe fuori dalla nostra portata!
      Grazie per avere scritto

  3. Salve!Nonostante sia una persona dotata di una discreta cultura linguistica e letteraria,le confesso che ,nel tentativo dì accingermi a leggere la Bibbia,ho trovato notevoli difficoltà di comprensione ed interpretazione e ciò,purtroppo,non mi ha consentito di immergermi con devozione e preghiera nella lettura dei versetti e dei salmi…Come iniziare ad”innamorarmi” della Parola di Dio? Grazie!

    • Semplice, credimi. Hai detto bene: innamorarsi, ecco la strada. Per innamorarti devi frequentarla, ogni giorno, senza pretendere di capire tutto e subito. Abbandonarsi alla lettura con spirito di preghiera, perché Gesù lo ha detto: Non ai sapienti ed agli intelligenti è stata rivelata la Verità, ma ai semplici.
      Lascia la cultura e apri il tuo cuore.
      Personalmente ti suggerirei di iniziare dal Vangelo, quello di Marco, il primo ad essere stato scritto.
      Se vuoi suggerimenti e spiegazioni particolari, chiedi e sarai esaudita.

  4. Grazie per i suoi commenti, sono molto utili. Esiste una versione della Bibbia con dei commenti, che possano aiutare a comprendere e interpretare il testo?
    Grazie,
    Luigi

  5. Grazie molto bello ma io cercherei sussidio che spieghi i versetti, mi rendo conto che sia difficile ma non impossibile.
    Grazie

    • Esistono moltissimi testi che spiegano i versetti. Ovviamente i migliori sono adatti a chi la Bibbia la studia, ma esistono commentari anche semplici. Tuttavia direi che è preferibile immergersi nella lettura con un clima di preghiera piuttosto che di studio. Il Signore si rivela in modo molto più semplice e diretto di quello che si pensi. Cercare spiegazioni per ogni cosa è piuttosto complicato e tante volte svia dal messaggio essenziale.

  6. io credo che le tue parole siano davvero saggie,leggo spesso piccoli versetti della bibbia e mi sento davvero vicino a Dio, mi da pace e serenità leggere, lo faccio da anni, mi da una grandissima forza.

LASCIA UN COMMENTO

Per Favore scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome

Ti potrebbe interessare anche...